PERCHE’ SI OPERANO SEMPRE MENO EMORROIDI

Novità in Medicina Rigenerativa
Perché si operano sempre meno emorroidi!
Numerosi sono i lavori in letteratura che descrivono l’efficacia del Plasma Ricco di
Piastrine (PRP) (1) e dell’Ossigeno-Ozonoterapia in patologia proctologica (2) ,
specialmente nella somministrazione di quest’ultimo per via rettale.
Nota è l’efficacia e la non invasività della Medicina Rigenerativa rispetto alla
chirurgia tradizionale in particolare nel trattamento delle emorroidi di I e II grado.
L’ attività dei Fattori di Crescita e dell’Ossigeno-Ozonoterapia è di grande interesse
in Medicina Rigenerativa, gli effetti del PRP sono ben noti e legati agli alfa granuli
contenuti nelle Piastrine che forniscono numerosi fattori di crescita, tra gli altri VEGF
e PDEGF.
Sono altresì ben noti gli effetti biologici dell’Ozono che, ricordiamo, è stato scoperto
nel 1840 da C.F. Schonbein ed è una forma allotropica dell’ossigeno, le sue molecole
infatti sono formate da tre atomi di ossigeno.
Tre molecole di ossigeno in presenza di una scarica elettrica formano due molecole di
ozono (3) .
Numerosi studi clinici hanno chiarito i meccanismi d’azione dell’ozono ed individuato
la finestra terapeutica per il dosaggio efficace di ozono (4) .
Quello che usiamo in campo medico è una miscela Ossigeno-Ozono (95-99,95%
ossigeno e 0,05-5% ozono) che, unitamente all’acqua ed ai liquidi biologici, favorisce
la formazione di radicali liberi, detti specie reattive dell’ossigeno (ROS) (5) , creando
uno stress ossidativo calcolato e transitorio che attiva il sistema antiossidante
endogeno.
L’ozono non avendo recettori ha un meccanismo d’azione indiretto tramite i propri
mediatori: infatti, iROS interagendo con gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) creano i
prodotti di ossidazione lipidica (LOPs) (6) con attività di messaggeri e con effetti
biologici in vivo.
Essi attivano i globuli rossi con la glucosio6fosfato deidrogenasi (G6PDH), enzima
deputato alla produzione di energia, stimolando il metabolismo energetico a livello
mitocondriale.
I ROS attivano anche i fattori di crescita PDGF eTGFb-1 deputati alla
neoangiogenesi ed il NRF2, nuclear related factor2 (7) proteina ad alto valore
protettivo per l’invecchiamento e la morte cellulare.
L’ozono indirettamente aumenta la cessione periferica di 0 2 ai tessuti, riduce
l’aggregabilità piastrinica e la viscosità plasmatica, riduce il fibrinogeno plasmatico,
inoltre aumenta il flusso ematico per il maggiore rilascio di ossido nitrico dalle
cellule endoteliali di qui il frequente impiego in numerose patologie vascolari e nel
piede diabetico ( 8) .
L’ozono ha un effetto antinfiammatorio per la riduzione delle PG ed antibatterico
perché distrugge i batteri con lo stesso meccanismo dei leucociti (9) ,ha anche un’azione
virustatica perchè impedisce al virus di attaccare e penetrare le cellule.

Cosa fa realmente l’ozono terapia?
L’ozono, da sostanza ormetica, interagendo con la biochimica del corpo umano, ne
riduce i livelli di ossidazione, attivando le funzioni enzimatiche cellulari, dopo una
prima fase di ossidazione (10) .
Il suo effetto immunostimolante provoca la fisiologica induzione di oltre 100 geni
regolatori della produzione di citochine.
Tale premessa è fondamentale per comprendere che l’insufflazione rettale di ozono
(RIO 3 ) proposta da Aubourg (11) (1936) per il trattamento della colite cronica e delle
fistole si è diffusa consentendo di comprendere l’effetto biologico di RIO 3 che è stato
dimostrato ampiamente sia sperimentalmente che clinicamente. Inoltre, studi
preclinici hanno dimostrato l’assenza di tossicità. Ecco perché l’applicazione di RIO 3
è stata estesa per il trattamento di molte patologie.
Gli studi clinici che utilizzano insufflazioni rettali di ozono (RIO 3 )con concentrazioni
tra 10 e 50 mcg/ml dimostrano la sua efficacia terapeutica in diverse condizioni
patologiche (12) .
Questi risultati dimostrano che la miscela di Ossigeno-Ozonoterapia somministrata
per insufflazione rettale (RIO 3 ) è innocua ed è in grado di aumentare la difesa
antiossidante dell’organismo. La maggior parte degli studi a lungo termine ha
confermato l’assenza di effetti collaterali dopo l’applicazione RIO 3 (13) .
PROCEDURA PER L’INSUFFLAZIONE RETTALE DI OZONO
RIO 3 dovrebbe essere fatta seguendo il protocollo giusto in modo da garantire la
massima efficacia della procedura.
PREPARAZIONE :
Il paziente deve iniziare la procedura con alvo e vescica svuotati.
La posizione deve essere il decubito laterale sinistro in posizione fetale. Si invita il
paziente a respirare lentamente, per rilassare lo sfintere anale, si lubrifica con gel
idrosolubile l’orificio anale prima di inserire un catetere rettale ed a mantenere il
decubito laterale sin. per 10 min dopo l’insufflazione per permettere l’assorbimento
del gas.
VOLUME E CONCENTRAZIONE
Volume e concentrazione saranno adeguati progressivamente in funzione dello stato
redox e della particolare patologia del paziente.
Tuttavia, la concentrazione superiore a 40 microg. / ml e volumi superiori a 300 ml
non sono raccomandati.
La concentrazione di solito scelta per l’effetto terapeutico dell’ insufflazione rettale è
tra i 10 – 30 micg. / ml e volumi di 60 ml (14) . Questa concentrazione può essere
maggiore (fino a 60 mcg / ml) per il trattamento in caso di sanguinamento o grave
colite, infezioni batteriche o parassitarie.
Il volume di gas utilizzato è estremamente importante.

La Dichiarazione di Madrid ha dato linee guida sulla ozonoterapia chiare ed
inequivocabili (15) .
Tutti i pazienti, con emorroidi sintomatiche, venuti alla nostra osservazione dal 2014,
hanno preferito la terapia con insufflazioni di Ozono rispetto alla chirurgia
tradizionale.
Nella maggior parte dei casi abbiamo effettuato un ciclo di 10 sedute di RIO 3 ,
ripetute dopo un tempo di riposo di 3 mesi, ma il tutto in funzione della evoluzione
della patologia .
Attualmente mancano trial multicentrici che convalidino l’utilizzo di Ozono nella
cura delle emorroidi ma resta l’osservazione, non secondaria, che i pazienti
preferiscono un ciclo di RIO 3 all’intervento chirurgico.
Il successo di questa terapia, per il momento, è caratterizzato dal“passa parola” che
consente ai pazienti di avvicinarsi all’ozonoterapia.
Siamo convinti che come è successo per il “mal di schiena”, oggi curato
prevalentemente con l’Ossigeno-Ozonoterapia, così avverrà per la cura delle
emorroidi.
michele angelo farina
www.studiomedicofarina
Presidente Onorario Fondatore Simcri

1) F.Custureri, M.Mongardini, G.Ferrazza Sic 2009 Rimini
2)Bernardino Clavo, MD Long-Term Control of Refractory Hemorrhagic Radiation Proctitis With Ozone Therapy – 29th European Society for
Therapeutic Radiology and Oncology Annual Congress, Barcelona, Spain, September 12–16, 2010.
3) Horvath M.Excerpt from “Ozone”, by M Horvath, L. Bilizky and J. Huttner, Budapest, Hungary, Published 1985. Distributed by Elsevier Science
Publishing Co Inc
4) Bocci V.2002
5) W. Drodge. Free radicals in the physiological control of cell function. Phisiolo.rev.2002
6)PRYOR et al. Lipid oxidation products 1995
7)Bocci V. et al., 1997 fattore di necrosi tumorale(TNFα)
8)E. Farina, M. Santoro, M.A. Farina Ossigeno-Ozonoterapia topica nelle lesioni del piede diabetico in PROCEDURE INNOVATIVE IN
MEDICINA E CHIRURGIA RIGENERATIVA POLISPECIALISTICA Ed. SIMCRI Anno 2018(PAG. 457-466)
9) Perry &Yussef, 2011; Ozone is a broad-spectrum antimicrobial in both aqueous and gaseous
10) Bocci V.et al.2005
11)AubourgP. Colibacillose aigue, colibacillose cronique: ameliorations cliniques notables par un traitement d’ozone.
Bull Med Paris. 1936; 140: 644-654.
12) E Riva Sanseverino e C. Positive Effects of Oxygen-OzoneTherapy in Chronic Ulcerative Rectocolitis. A Case Report]Rivista Italiana di
Ossigeno-Ozonoterapia 2004 pag.61-64
13) Militsa N. e Al. The treatment of an acute paraproctitis – Klinichna Khirurhiia/Ministerstvo Okhorony Zdorov’ia Ukraïny, Naukove Tovarystvo
Khirurhiv Ukraïny 2008, pg 37-39
14) Martinez-Sanchez G., Re L., Rectal Administration and its Application in Ozonetherapy – Italy D.i.s.M.A.r., University of Ancona; International
Journal of Ozonetherapy 11: 41-49, 2012
15) Dichiarazione di Madrid sull’ozonoterapia. ISCO 3 12-6-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.